Proposte d’arredo: la cucina, praticità e design

Cucina Varenna di Poliform
This article is also available in English

La cucina è il cuore della casa, il luogo in cui si preparano e spesso consumano i pasti, trascorrendo del tempo assieme a parenti e amici, magari dopo una lunga giornata di lavoro.

La cucina moderna è ispirata alla convivialità e coniuga un’estetica accattivante coi requisiti di funzionalità ed ergonomicità.

I FONDAMENTALI

Nel progettare la cucina, cercate di ottimizzare gli spazi per potervi muovere con libertà. E, prima di cominciare, tenete in considerazione alcuni elementi basilari.

Partite dalle vostre abitudini

Fatevi guidare dal vostro stile di vita per creare uno spazio davvero su misura. Se ad esempio vi piace invitare ospiti a cena ma gli spazi sono ridotti e avete optato per la cucina-soggiorno, puntate su un tavolo a scomparsa: non ingombrerà l’ambiente ma, all’occorrenza, vi permetterà di fare accomodare tutti

Considerate le dimensioni della stanza

Per essere comoda, completa e accogliente, la cucina non deve necessariamente essere grande: basta che sia ben strutturata. Se l’ambiente è piccolo, scegliete soluzioni con elementi salvaspazio, come il top che funge anche da banco snack, le armadiature a colonna in cui trovano posto gli elettrodomestici e le colonne estraibili per le conserve o l’aspirapolvere. Il colore da preferire è il bianco in tutte le sue sfumature, da dinamizzare con l’accostamento a moduli o accessori dalle tinte accese e grintose.

Alla tradizionale cucina indipendente, inoltre, si sta sostituendo la tendenza a fondere cucina e soggiorno in un unico ambiente. Se si vuole, l’area di preparazione dei cibi puo essere schermata con partizioni basse, isole, penisole e i due spazi parzialmente divisi da una vetrata o una porta scorrevole. Gli arredi saranno comunque multifunzionali e adatti anche alla zona giorno.

L’ORGANIZZAZIONE

Rispettate il vostro stile

Create uno spazio in cui sentirvi a vostro agio e che si inserisca con coerenza nel resto della casa.

Per una cucina minimal, optate per un numero esiguo di pezzi dalle linee sobrie e spigolose, essenziali soluzioni a scomparsa e pavimenti e pareti in tonalità fredde, a tinta unita, magari crema o tortora.

Se amate il country, prediligete tinte chiare e naturali come il bianco e abbinatele a mobili in legno dalle linee morbide e a un top in pietra. Un vero e proprio must sono le pentole e i mestoli in rame, da lasciare in bella vista, accanto a vasetti in metallo laccato e ceste di vimini.

Se vi piace il vintage e volete ricreare l’atmosfera degli anni Cinquanta e Sessanta, puntate su linee morbide e forme arrotondate, sostituite pomelli, maniglie e in generale tutte le parti metalliche con elementi cromati e abbinate il bianco o il panna a tonalità pastello come il giallo, il turchese, il verde bosco o a colori eccentrici come l’arancione.

Se avete un’anima green, puntate su cucine progettate con materiali ecologici, naturali o non trattati chimicamente, e vernici atossiche. L’accoppiata perfetta è costituita da legno certificato e verniciatura ad acqua.

Se preferite l’industrial, arricchite l’ambiente con finiture vissute e materiche e scegliete un design rigoroso ed essenziale, magari in composizione aperta sul living.

Open di Piero Lissoni, Boffi
Open di Piero Lissoni, Boffi
Cucina Frame di Snaidero
Frame, Snaidero

Il top

La scelta del top va fatta in base alle nostre abitudini ed esigenze. Il quarzo è tra i materiali piu robusti, ma esistono anche soluzioni piu economiche, con rivestimenti laminati che simulano l’aspetto della pietra o del legno, offrendo praticità e resistenza.

Il lavello

Oltre al modello più diffuso in acciaio inox, ci sono quelli monoblocco integrati direttamente nel piano di lavoro, senza alcuna giunzione visibile. I lavelli sono, inoltre, realizzati prevalentemente in pietra massello, marmo o quarzo, materiali resistenti ed eleganti, che garantiscono qualità, stile e raffinatezza.

Cucina Artematica di Valcucine
Artematica, Valcucine

Il tavolo

Grande o piccolo, è la soluzione ideale nei fluidi ambienti open space. Può essere realizzato con linee e materiali coordinati ai mobili della cucina o dare vita a contrasti pensati per esaltare gli altri arredi. Per un ambiente da vivere è perfetta anche l’isola, magari con un modello che inglobi piano di cottura, forno e lavello.

Il pavimento

Optate per materiali durevoli e adatti a locali umidi, come le piastrelle in gres porcellanato, un materiale molto resistente all’abrasione. Ne esistono in un’infinità di colori e finiture, come l’effetto legno o pietra naturale. Anche le resine sono ideali: idrorepellenti, contrastano il formarsi di muffe e batteri. Se invece vi piace il parquet, scegliete un legno molto duro e resistente all’usura e soprattutto all’umidità, come il teak, il rovere o l’iroko.

Cucina Artematica di Valcucine
Artematica, Valcucine

IL TOCCO FINALE

Gli accessori

Non possono mancare in un ambiente ben attrezzato: dal tagliere al pelapatate, dalla spazzola a ganci e appendini, sono indispensabili per agevolare il lavoro in cucina ma anche per aggiungere un tocco di colore.

Accessori per cucina, Winebowl di Mogg, G-Art e G-Glocal di KnIndustrie
Accessori, Winebowl di Mogg e G-Art e G-Glocal di KnIndustrie

L’illuminazione

La cucina è uno spazio multifunzionale in cui si preparano ed eventualmente consumano i cibi e, se lo spazio lo permette, si lavora e intrattengono gli ospiti. Percio’ l’illuminazione deve essere progettata con attenzione, anche perché riesce a modificare l’impressione visiva dello spazio, facendo ad esempio sembrare piu larga una cucina di piccole dimensioni se proiettata su una parete chiara. Alla luce principale, nella forma di una lampada a sospensione, di faretti a soffitto o su binario o di spot lungo il perimetro, si possono accostare neon o led sottopensile e punti luce all’interno di dispense e armadiature,  cassetti e cestoni scorrevoli. Sopra i punti strategici, come il tavolo, l’isola o il top, è utile anche l’uso di un fascio di luce puntuale, magari regolabile: come una lampada a braccio mobile o una fila di piccoli lampadari bassi.

One di Ernestomeda
One, Ernestomeda

Questo articolo è stato pubblicato sul Magazine di Mohd, Mollura Home Design.